Crisi editoria: in Basilicata un’edicola è attiva da 100 anni!

Crisi editoria: in Basilicata un’edicola è attiva da 100 anni!

edicola arcomano

Oggi giorno ci ritroviamo a dover fare i conti con un Paese, ma più in generale con un sistema, che ha forti difficoltà ad approcciarsi all’editoria classica. In parole povere, di libri, giornali e riviste se ne vendono molti meno di un tempo, e in quest’ottica è chiaro che gli attori coinvolti non possano far altro che provare a tenersi a galla in qualche altro modo.

Per esempio, i giornali che una volta stampavano miriade di copie, oggi giorno sono molto più attenti sulla quantità di copie che mandano in stampa, e proprio perché in edicola di giornali se ne comprano sempre di meno, le case editoriali hanno pensato bene di investire su Internet: ormai la maggior parte dell’informazione la si fa online, tanto è vero che dai quotidiani più grossi ai notiziari più piccoli, un po’ tutti quanti hanno studiato formule web friendly capaci di monetizzare (come gli abbonamenti digitali, gli articoli leggibili solo a fronte del pagamento di una piccola somma, e così via). Qualcosa di molto simile sta accadendo con le riviste e con i periodici, mentre per i libri si sta continuando a rafforzare, come ovvio che fosse, la dinamica degli ebook.

In tutto ciò appare piuttosto curiosa la vicenda che vede come protagonista una piccola località della Basilicata. Ad Arcomano di Roccanova, in provincia di Potenza, esiste infatti un’edicola che riesce a tenersi in piedi dalla bellezza di 100 anni! Praticamente è sopravvissuta alla guerra e alle più dure crisi economiche che hanno attraversato il Paese dall’ultimo secolo a questa parte. Sorta nel dicembre del 1918, questa edicola è diventata per ovvie ragioni un importantissimo riferimento dal punto di vista culturale e sociale.

Questa attività nacque al termine della prima guerra mondiale, e da lì in poi nessuno, e tanto meno alcun tipo di evento storico, è riuscito a farla arretrare; anzi, se all’origine si trovava in un locale piuttosto piccolo in Corso Dante, già dopo qualche tempo si trasferì in un locale più ampio, nella centralissima Piazza del Popolo, dove esiste tuttora e dove viene tenuta in piedi dalla straordinaria passione di Pasquale Arcomano, figlio del fondatore dell’edicola, Vincenzo Arcomano. Pasquale oggi ha la bellezza di 88 anni, ma nonostante la veneranda età non ne vuol proprio sapere di mollare la presa: quella edicola per lui non è soltanto un lavoro, ma è anche amore, dedizione e, soprattutto, identità.

“Vendere giornali per me è una missione di vita e finché sarò vivo continuerò a farlo, anche in ricordo di mio padre e di mio fratello che ci hanno lavorato per moltissimi anni”. E’ fondamentalmente questo che dà la forza a Pasquale di raggiungere la sua edicola ogni santo giorno, e nulla importa se il giorno sia festivo: Pasquale, ogni mattina, apre comunque la porta del suo locale, desideroso di accogliere con un sorriso i clienti che accorrono verso di lui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi