Libri che diventano film: i titoli attesi per il 2018

Libri che diventano film: i titoli attesi per il 2018

cinema

Da sempre la letteratura è fonte di ispirazione del cinema, pertanto anche il 2018 sarà un anno in cui vedremo arrivare sul grande schermo storie che affondano le loro origini nella carta stampata. Vediamo quindi quali sono i libri che si tramuteranno in film!

Nei giorni scorsi è già arrivato al cinema uno dei primissimi titoli del 2018 che si ispirano a un libro. Stiamo parlando di “Chiamami col tuo nome”, film che ha peraltro ricevuto quattro candidature agli Oscar. Si tratta di una storia ambientata nei primi anni ’80 e racconta nient’altro che una storia d’amore. Il film è stato girato a Crema, mentre invece il libro era ambientato in Liguria. Tra film e libro ci sono quindi delle piccole differenze, ma in un certo senso il bello è anche questo: perché mai un film deve essere sempre cucito su misura del romanzo a cui si riferisce?

Altro film ispirato a un romanzo di grandissimo successo è “Cinquanta sfumature di rosso”. Francamente non se ne può nemmeno più, se non altro perché abbiamo dovuto assistere già ai due primi episodi della saga e a tutto ciò che ne è conseguito in termini di pubblicità e considerazioni. Quella raccontata nella saga di “Cinquanta sfumature” è un qualcosa a metà tra una storia d’amore e un legame fatto di sesso e di strane pratiche sessuali. Sia il libro che il film sono molto apprezzati tanto da essere diventati un vero e proprio caso, specie tra il pubblico femminile che ha visto in questa storia uno spaccato di vita che esiste ma che non viene quasi mai raccontato (forse perché c’è ancora la considerazione comune secondo cui le perversioni sessuali non possano essere appannaggio anche del gentil sesso).

Di tutt’altro genere è “Player One”, il cui libro è uscito in Italia nel 2011 e che si ispira, neanche tanto velatamente, a quel mondo di videogiochi che ha preso il sopravvento tra gli anni ’80 e ’90. La storia è ambientata nel futuro e parla di una realtà parallela in cui le persone si sfidano l’una con l’altra per vincere un mare di soldi. Al centro di tutto v’è però il protagonista, un ragazzo nerd e un po’ sfigato che in questa realtà virtuale riesce a fare parecchia strada (occhio però, perché nel film il ragazzo non è esattamente uguale a quello descritto nel libro). Al timone c’è Steven Spielberg, quindi sì, vale la pena dargli un’occhiata.

A marzo esce “Red Sparrow”, film che vede come protagonista Jennifer Lawrence e che si ispira al libro “Nome in codice: Diva” di Jason Matthews. La protagonista di questa storia, di nome Dominika Egorova, è una ballerina che si ritrova a vestire i panni della spia russa. Quindi aspettatevi azione e suspance di alta qualità, se non altro perché l’autore della storia, Matthews, è un ex agente della CIA che certe dinamiche le conosce “da dentro”.

“Nelle pieghe del tempo”, invece, è una storia fantasy per ragazzi che però, tramutata in film, punta a diventare un fantasy per tutti. Pensate che l’autrice del libro, Madeleine L’Engle, fu oggetto di decine di rifiuti: la sua storia era considerata un po’ troppo strana e fuori dall’ordinario per poter arrivare nelle librerie. Fatto sta che è proprio questo il bello. E lo è ancor di più ora che “Nelle pieghe del tempo” si tramuta in un film prodotto dalla Disney, con Oprah Winfrey a rivestire uno dei ruoli principali e con una miriade di effetti speciali a fare da sfondo!

In Italia uscirà come “Ophelia”, ma il libro che vi sta dietro, udite udite, è “Amleto”. Ebbene sì, il capolavoro di William Shakespeare è ufficialmente diventato un film, tra l’altro già presentato al Sundance Film Festival. Il cast è di tutta eccezione: Naomi Watts, Tom Felton, Daisy Ridley e Cliwe Owen. Ad interpretare Ofelia sarà Ridley. La protagonista, figlia di Polonio e fidanzata di Amleto, guiderà la storia scritta da Shakespeare e proprio per il fatto che sarà lei a guidarla si dice che il film proporrà “uno sguardo femminista all’opera”.

Ad aprile uscirà “Molly’s Game”, film tratto dall’omonimo libro. La storia altro non è che l’autobiografia di Molly Bloom, ex sciatrice di professione che si è poi riciclata in organizzatrice di esclusive partite di poker. A quelle stesse partite a cui giocavano pezzi da novanta del cinema e imprenditori di successo, tanto da indurre l’FBI a spostare sulla Bloom le sue attenzioni (e le sue indagini).

Molto interessante è anche “Crazy Rich Asians”, film che si basa sul libro “Asiatici ricchi da pazzi” di Kevin Kwan. Come dice il nome, si tratta di una storia che racconta la vita di tre facoltose famiglie cinesi, e quindi di come trascorrono le giornate, degli argomenti di cui parlano, del modo in cui vivono e di come reagiscono quando uno dei loro componenti porta a casa una nuova fanciulla. Una ragazza cinese, sì, ma nata e cresciuta negli Stati Uniti. Ecco, questo incrocio di culture getta le basi per un racconto insolito, curioso e anche culturalmente stimolante.

Amanti di Ryan Gosling, all’attenzione! Verso fine anno uscirà al cinema “First Man”, film tratto dal libro “First Man: The Life of Neil A. Armstrong” di James R. Hansen che vedrà come protagonista proprio lui, l’asse portante di “La La Land”. Dal momento in cui parliamo di una storia basata sulla figura di Neil A. Armstrong, da raccontare c’è davvero poco: vi basti sapere che il film sarà diretto da Damien Chazelle e che a vestire i panni di Armstrong sarà appunto uno degli attori più amati del momento.

A dicembre dovrebbe anche uscire “Macchine mortali” che si rifà allo scritto di Philip Reeve. Il libro è uscito in Italia nel 2004 e parla di una guerra di un’ora che ha distrutto tutto e che ha indotto le persone a cominciare a vivere in città stranissime. Ed è proprio questa stranezza che lascia promettere molto bene!

Per chi vuol riflettere, invece, è in arrivo “Boy Erased”. Il film, diretto da Joel Edgerton e basato sul libro di Gerrard Conley, racconta la storia di un ragazzo gay, figlio di un pastore battista dell’Arkansas, e dei tentativi fatti da suo padre per curarne la “malattia”. L’attore che impersona il ragazzo è Lucas Hedges, mentre i genitori sono niente di meno che Nicole Kidman e Russel Crowe.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi